lettura dossetti 2018

LetturaDossetti_2018

Luogo di incontro fra le profonde trasformazioni che investirono l’America Latina negli anni ’60 e il processo di rinnovamento teologico avviato dal Vaticano II, la conferenza dell’episcopato latinoamericano tenutasi a Medellín, in Colombia, nel 1968 ha segnato un prima e un poi nella storia della chiesa continentale. Espressione di una recezione creativa e selettiva dell'”aggiornamento” conciliare, il nome di Medellín è associato a quello dei principali contenuti delle sue conclusioni: evangelizzazione coscientizzatrice, decentralizzazione delle strutture pastorali attraverso la costituzione di comunità ecclesiali di base, opzione per i poveri e richiamo alla povertà come condizione essenziale della sequela del Cristo. Ancora prima dei suoi documenti maggiormente caratterizzanti, Medellín è stata però, soprattutto, “un fatto di Chiesa globale”, una “nuova Pentecoste”, nelle parole di molti dei suoi protagonisti, che si dette nel momento stesso in cui la chiesa continentale decise di “guardare in faccia” la nuova realtà latinoamericana piuttosto che sé stessa.

Silvia Scatena insegna Storia contemporanea all’Università di Modena-Reggio Emilia ed è direttrice della rivista Cristianesimo della Storia curata dalla Fondazione per le scienze religiose Giovanni XXIII