collegio andreatta

Il Collegio Andreatta è la foresteria della Fondazione.

Cenni storici

Acquistato per l’Università di Bologna e dato in comodato alla Fondazione fino al 2049 dal rettore Fabio Roversi Monaco nel 1999, lo stabile di via san Vitale 116 era inagibile. La Regione Emilia Romagna ha finanziato interamente la sua ristrutturazione e il completamento, con arredi e servizi del Collegio, investendo 1.5 milioni di euro gestiti dall’Ateneo.

Il 30 gennaio 2012 il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha intitolato il Collegio al professor Beniamino Andreatta e oggi è a disposizione di studiosi italiani e internazionali garantendo il miglior livello di facilities.

La struttura

Il Collegio è una struttura pensata per ospitare allievi di dottorato e postdottorato o visiting di Alte Scuole di Formazione europee e altre Università che intendano trascorrere un periodo di ricerca presso la biblioteca G. Dossetti. L’edificio, comodamente ubicato accanto alla biblioteca, è dotato di sette camere da letto distribuite su due piani, una piccola biblioteca a uso interno e una cucina.

Integrandosi con le attività della Cattedra Unesco e delle infrastrutture di ricerca della Fondazione, il Collegio ambisce a diventare un riferimento piccolo, ma luminoso, nel sistema di relazioni internazionali e di formazione nazionale, nella cornice ultima del sistema europeo della ricerca. È a tal proposito che, dal 2015, il Collegio Andreatta è stato accreditato nella tabella dei collegi universitari di merito ai sensi della Legge 240.

Regolamento

Il check-in e il check-out sono possibili dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 18:30, previo accordo con il responsabile (dainese@fscire.it). Per ulteriori informazioni, si rimanda alla Carta dei Servizi.