difendere la dottrina o annunciare il vangelo

A. Indelicato, Difendere la dottrina o annunciare il Vangelo. Il dibattito nella Commissione centrale preparatoria del Vaticano II, Marietti, Genova, 1992, pp 346

Malgrado il sorprendente rigetto da parte dei padri conciliari di buona parte dei testi approntati durante la fase preparatoria del Vaticano Il, non si è finora avuto uno studio sistematico tendente a dare una risposta al problema posto da quel rifiuto. Eppure le domande sorte fin dalle prime battute del concilio, quando già si delineava un imprevedibile rovesciamento dei criteri di conduzione dell’assemblea sinodale, non sono di secondaria importanza: quali furono cioè i nodi decisivi che caratterizzarono e condizionarono l’andamento dei lavori preparatori, limitandone l’efficacia ma anche rendendoli capaci di generare strategie alternative? Tra la fase preparatoria e la successiva fase conciliare ci fu un qualche rapporto di continuità o si trattò di due momenti segnati da una netta cesura? Si formarono già in quella fase schieramenti diversi e quali furono i loro rapporti di forza? Queste domande sono state alla radice di una paziente ricerca, di cui questo volume costituisce il frutto maturo. Vengono infatti rigorosamente analizzati gli atti della Commissione centrale preparatoria, a cui era stato affidato il compito di supervisionare gli schemi elaborati dalle singole commissioni preparatorie, prima che fossero presentati al papa per essere poi trasmessi al concilio. In tal modo è possibile ricostruire i contenuti e le modalità di lavoro, gli schieramenti che andavano emergendo e la loro dialettica, l’irrigidirsi delle posizioni provvisoriamente maggioritarie e la lenta maturazione delle possibili alternative. Esce così dal limbo delle congetture una fase dell’avvenimento conciliare senza la quale è impossibile capire il Vaticano II.