i nemici della cristianità

I nemici della cristianità, a cura di G.Ruggieri, Il Mulino, Bologna, 1997, pp. 234

La cristianità sorge quando il cristianesimo si pone come religione non solo lecita, ma altresì “dominante”, se non unica, nella società in cui è professato e assolve a tutte le funzioni che competono ad una istituzione religiosa che voglia fornire identità a un gruppo sociale. Se quindi la cristianità è una variante della “religione civile”, che cosa hanno di diverso i nemici della cristianità? Potrebbe, questa, sembrare una domanda banale. La dialettica amico-nemico è infatti alimentata dalle religioni. Perché la cristianità dovrebbe costituire un caso a parte? Siano essi gli appartenenti ad altre religioni, siano essi i devianti dalla pratica religiosa dominante, i “nemici” trovano proprio nelle religioni il loro terreno di coltura più spontaneo. Resta vero tuttavia che il cristianesimo contiene, nel suo “canone” costitutivo, una configurazione atipica del rapporto con il “nemico”, per cui il “nemico” propriamente non dovrebbe essere più tale. Perché allora nella tradizione cristiana si passa dall’atteggiamento della prima lettera di Pietro, dove si riflette una minoranza straniera e amica al tempo stesso della società, a quello maggioritario e “violento”, convinto della coestensività tra cristianità e umanità, di Bernardo di Chiaravalle? Il “nemico” è allora “omogeneo” rispetto a determinate configurazioni dell’esperienza credente e quali sono queste configurazioni? 1 saggi raccolti nel volume, risultato di un seminario di ricerca, tentano di rispondere a questa domanda. Essi non trattano del nemico del cristianesimo, ma del nemico della cristianità.