marco iervese

Nato a Pescara nel 1986, ha studiato presso l’Università “La Sapienza” di Roma dove ha conseguito la laurea specialistica in Storia delle civiltà e delle culture dell’età moderna e contemporanea con una tesi dal titolo “Superstizione”: interpretazioni, applicazioni, mutamenti (dallo ius canonicum allo ius naturae XVII-XVIII sec.) col prof. Vittorio Frajese. Ha perfezionato i propri studi con il diploma in Archivistica presso la Scuola Vaticana di Paleografia, Diplomatica ed Archivistica e ha conseguito nel 2017 il dottorato di ricerca presso la facoltà di Scienze Politiche in “Storia dell’Europa”. Nei suoi studi si è occupato di relazioni diplomatiche della Santa Sede dopo la Prima guerra mondiale con una tesi dal titolo Santa Sede e Ungheria: la diplomazia pontificia tra le due guerre mondiali (coordinatore prof. Alessandro Saggioro e tutor prof. Alessandro Vagnini). Collabora con la rivista “Il Geopolitico. Rivista di Analisi Geopolitiche e Sociologiche” e cura le lezioni di storia per i progetti di e-learning Power of Knowledge. Ha collaborato con il Bollettino dell’Ufficio storico dello Stato Maggiore dell’Esercito e nell’a.a. 2017/2018 e ha curato un corso di Storia presso il Collegio Universitario Don Nicola Mazza, sede di Roma. Dall’ottobre 2018 è assegnista di ricerca presso la Fondazione per le scienze religiose “Giovanni XXIII” dove si occupa dei rapporti tra politica e chiese protestanti in America. Dal 2019 è cultore della materia in Storia contemporanea presso l’Università di Modena e Reggio Emilia.