edb

  • La costituzione “Anglicanorum Coetibus” e l’ecumenismo, a cura di G. Ruggieri, 2012
    Anglicanorum coetibus è una costituzione apostolica emanata da Benedetto XVI il 4 novembre 2009, finalizzata alla “istituzione di ordinariati personali per anglicani che entrano nella piena comunione con la Chiesa cattolica”, per rispondere alla richiesta di quanti decidono di convertirsi al cattolicesimo perché in disaccordo con l’evoluzione dell’ala più radicale dell’anglicanesimo nei confronti dell’ordinazione delle donne e di omosessuali dichiarati. La costituzione apostolica prevede il mantenimento di alcuni elementi del patrimonio spirituale e liturgico anglicano, tra i quali l’uso di libri liturgici propri, la facoltà di erigere seminari, la possibilità di ammettere al presbiterato cattolico ministri anglicani (anche vescovi) già sposati, giacché il rito dell’ordinazione anglicano è considerato non valido dalla Chiesa cattolica. Fino adesso sono stati eretti l’Ordinariato personale di Nostra Signora di Walsingham per i fedeli di Inghilterra e Galles e l’Ordinariato personale della Cattedra di San Pietro per i fedeli degli Stati Uniti d’America. Nel volume teologi e canonisti, cattolici e anglicani, si interrogano se questa iniziativa corrisponda alla scelta che il Vaticano II ha operato per l’impegno irreversibile della Chiesa cattolica nella ricerca dell’unità o se non costituisca piuttosto un passo indietro nel dialogo tra le Chiese anglicana e cattolica.
  • L’«Officina Bolognese» 1953-2003, a cura di G. Alberigo, 2004
    cinquant’anni di attività del Centro di documentazione dell’Istituto per le scienze religiose di Bologna, ideato da Giuseppe Dossetti, sono occasione per una riflessione sulla sua storia. Nel clima buio e difficile degli anni ’50, Dossetti ebbe infatti il coraggio di dare vita a una realtà che si annovera oggi tra le più importanti a livello europeo: suoi sono il progetto comunitario, l’ispirazione spirituale, la caratterizzazione laicale, l’impostazione culturale, lo stile di sobrietà, la scelta di Bologna e persino il disegno della biblioteca.